2.000 metri di altezza sulle pendici del Monte Bianco.

Federico Delrosso si cimenta con il progetto di una casa in montagna minimale e perfettamente integrata nel paesaggio alpino della Val d’Aosta, collocata a oltre 2.000 metri di altezza sulle pendici del Monte Bianco nella vallata de La Thuile – località Les Souches.

L’intervento progettuale di ristrutturazione di un rustico in pietra ha prodotto un nuovo volume architettonico compatto che esalta la forza espressiva della struttura primaria in pietra a secco, tipica delle costruzioni di alta montagna, qui dichiaratamente rivisitata.

L’edificio si presenta con l’involucro primario in pietra che contiene la struttura del tetto il quale, si scarica a terra sul fronte principale con una scansione verticale. Questa, a sua volta, viene ripresa sul piano arretrato con infissi a tutta altezza che offrono una spettacolare apertura totale al paesaggio montano. Anche l’orientamento dell’edificio privilegia la vista più suggestiva.

“ La casa è stata costruita in adiacenza ad un progetto dell’architetto Carlo Mollino (Casa Olivero 1962) unico nella vallata di La Thuile. L’intervento progettuale non ha potuto prescindere dal dialogo con l’opera del grande maestro. Mi sono orientato dunque su una forma più compatta e contemporanea con un’identità ben definita ed ispirata dal paesaggio delle montagne circostanti” dichiara Federico Delrosso.

Photo credits: Jacopo Spilimbergo

Ufficio Stampa: MAP Design Communication | tel. +39 339 4766974 | p.ledda@mapdesign.it

FEDERICO DELROSSO – Biografia

Federico Delrosso, architetto e designer di origini biellesi, opera a livello internazionale dal 2001 nel suo studio di Milano Federico Delrosso Architects, occupandosi di architettura, interior e product design. Alcuni sui progetti di architettura, hanno avuto una significativa rilevanza mediatica internazionale tra cui, i Twin Loft, due loft milanesi; la propria abitazione e quella del suo amico Alessandro Sartori.

Nell’ambito del design firma importanti collezioni di arredo e illuminazione per brand come Davide Groppi e Henrytimi. Con la lampada Mima per Davide Groppi, riceve la segnalazione per il XXI Compasso d’Oro 2008 e con Hashi nel 2019 la selezione all’ADI INDEX. Diversi suoi progetti entrano nella rosa dei finalisti del prestigioso premio Best of Year Award, della rivista Interior Design (USA) tra cui il Ristorante Notime a Montecarlo e la Cucina Trapezio, disegnata per Henrytimi.

Nel 2013 Skira pubblica una monografia “Spostando il limite/Pushing the Boundaries, curata da Porzia Bergamasco, che racconta i suoi vent’anni di attività. Al Milano Design Film Festival 2018, presenta Dreaming the Real un film, diretto da Luca De Santis e curato da Davide Giannella, che narra il viaggio di un anno e mezzo attraverso le visioni e gli immaginari sviluppati da Federico Delrosso in 20 anni di carriera, tramite le immagini del cantiere di Teca House.

E’ relatore di convegni in Russia, Messico, Dubai, Ecuador, Cina, Turchia, e membro del Consiglio di Presidenza dell’IIDA (International Interior Design Association) USA.

CS-FDR_La Thuile-def.doc
CS-FDR_La Thuile-def.doc
CS_La Thuile_Eng.doc
CS_La Thuile_Eng.doc
_MG_5952.jpg
_MG_5952.jpg
_MG_5946.jpg
_MG_5946.jpg
_MG_5925.jpg
_MG_5925.jpg
_MG_5920.jpg
_MG_5920.jpg
_MG_5842.jpg
_MG_5842.jpg
_MG_5836.jpg
_MG_5836.jpg
_MG_5832.jpg
_MG_5832.jpg
_MG_5828.jpg
_MG_5828.jpg
_MG_5815.jpg
_MG_5815.jpg